top of page

LA PALESTRA DEL CUORE feat by Queen - We Will Rock You

Aggiornamento: 1 mag 2020

Le scale, pensarle come valido sostituto degli ascensori . Le scale e le scalinate quelle belle alla Rocky di Philadelphia per intenderci, sono la palestre del cuore.

Ho visto questa scritta per la prima volta in Trentino questa estate , intagliata nel legno .

E avevo pensato subito a quanto proprio quella vacanza fatta di passeggiate, lanci di sassi nel lago, farfalle posate sul braccio e caprioli curiosi della nostra presenza a colazione, fosse stata una palestra per il nostro cuore.

Un cuore allenato : di fatica e di amore.

Ma la palestra del cuore è anche un luogo.

Fu facile per me e Paolo capire che in quella palestra della Scuola Cesalpino Giulia non avrebbe mai corso per non perdere la lezione di danza. Costretta dal mio desiderio di vederla con i capelli raccolti in uno chignon.

La sua carica positiva e quella sana voglia di correre poco si allineavano con muscoli e nervi stretti in quel tutù.


Ignorai per lungo tempo il cartello che campeggiava sui cancelli arrugginiti della Cesalpino : Sanga Basket .


Poi un giorno ho pensato "Proviamo!" . Ci sono bambine che insieme a Giulia sono diventate ragazze, altre sono arrivate dopo. Ma questo non basterebbe a creare una squadra. Ci sono le vittorie e le sconfitte , le fatiche degli allenamenti , c'è la voglia di migliorare e migliorarsi insieme , ci sono allenatori che danno anima e corpo per la loro crescita sportiva, emotiva fisica ed intellettuale .


E poi c'è lo spogliatoio : Lorena ci raccontava di quando finite le partite si aspettassero tutte per uscire insieme. Entravano negli spogliatoi come squadra, giocavano in campo come una squadra e uscivano senza divisa ma sempre unite. La palestra del cuore ora si è spostata in Cambini . Ci fanno stancare ogni venerdì sera . Noi genitori con i vari impegni della settimana che si sono accumulati proprio verso le 18.00 del venerdì, tutti ad aspettarle davanti al PalaGiordani ed una doccia che potrebbe durare anche ore se qualcuno non le chiamasse, colpa dei phon che sono pochi per tutti quei cappelli, colpa dei canti sotto la doccia. Noi aspettiamo guardando perplessi l' orologio , con la fretta che ci chiama ma quando le vediamo arrivare così felici e ancora a ridere delle cazzate dette e fatte negli spogliatoi passa tutto e hai già voglia di vederle giocare l'indomani quando ci sarà la partita . Tutti pronti noi genitori , in ansia quasi quanto loro . Si prepara la maglietta del Sanga, la felpa, lo zaino. Verifichiamo se la divisa è a posto, l'acqua nella borraccia," i calzini saranno davvero i tuoi ?" , "non importa" Loro sono la squadra in campo e noi quella sugli spalti .

Ancora vive le immagini della vittoria di campionato dello scorso anno. Le emozioni di tutto l'anno in una foto di un collettivo "Sanga Go Go Go" .

Sono passate attraverso queste maglie sudate a volte scambiate a volte dimenticate e lavatrici sempre pronte a restituirle perfette. Sono passate attraverso la fatica e i dolori muscolari di corpi che stanno crescendo e poi teste che stanno maturando e cuori grandi già grandi abbastanza per non smettere di crederci.

Sono passsate attraverso quelle lavagnette quel non smettere mai di insegnare non smettere mai di imparare. E i percorsi quelli giusti disegnati per arrivare a canestro

Sono passate attraverso lacrime abbracci e cori

Urlarvi addosso è stato meraviglioso


Ci sono stati weekend pieni di emozioni. Storie di weekend tanto. Tanto faticosi tanto emozionanti tante soddisfazioni. Storie di giorni di sport quello sano quello che ti fa provare e privare del respiro. Giorni in cui siamo sempre tanti , tanti a cena fuori, tanti a tifare le ragazze della Serie A , tanti a tifare le nostre ragazze ma anche quelle degli altri .

Perdiamo la voce sugli spalti ma ci resta tanto di quei giorni insieme, come questa foto di mani , mani di giovani atlete , mani di amiche per la pelle amiche per la palla, dita spesso fasciate con del nastro, dita che toccano la palla a spicchi e sempre meno cliccano.


Adesso tutto questo ci manca tantissimo .


Sulle note di "We will rock you" loro cantano "Mi piace il Sanga ci voglio restare" e battono le mani allo stesso ritmo di Freddy .


Non si sono forse mai soffermate a pensare al significato del testo e nemmeno sulle prime righe della lirica che canta :

Amico sei un ragazzo che fa un gran casino

giocando per la strada sarai un grande uomo un giorno


Le nostre ragazze fanno un gran casino in palestra. Quanto ci esalta quello stridio della gomma delle scarpe sul parquet ? e il rumore del palleggio ?

Le nostre ragazze diventeranno grandi donne perchè noi siamo il Sanga e siamo una squadra di basket femminile !






#raccontidiDo #raccontidiDonnechecrescono #Sanga #amicheperlapelle #amicheperlapalla

87 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Post: Blog2_Post
bottom of page